NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il termine UX è diventato un neologismo. Quando “qualcosa” ha una buona UX suona implicito che abbia tutti i componenti core della UX (AI, interaction, interfaccia..ecc).

In realtà non è necessario e nemmeno desiderabile attaccare la parola “design” alla fine, in quanto può essere distraente e portare le persone ad una falsa conclusione ossia UX = User Interface Design.

 

L’interfaccia non è la soluzioneè questo il cuore della battaglia con coloro che pensano solo alla UI e non conoscono le differenze tra UI e UX.

Come gli esperti UX vedono la UX

UX sta per “user experience” ed è spesso seguita dalla parola “design”, di cosenguenza coloro che lavorano nella UX diventano “UX designer”. Ma questi “designer” non sono “designer” nello stesso senso di coloro che disegnano il visual o l’interfaccia. La UX presuppone il “design” intangibile di una strategia che porta soluzioni.

Molti UX designer hanno cominciato a rinominarsi UX Architect, UX Engineer, oppure UX Strategist, alcuni poi sono andati oltre togliendo dal titolo la parola User per diventare Experience Architect/Engineer/Strategist. Sperando, forse, di non venire etichettati come semplici progettisti di interfacce e di mostrare quanto il campo della UX sia più allargato. Si può essere infatti un ricercatore o avere una posizione di dirigente nel settore UX della propria azienda e non aver mai eseguito una progettazione dell’interfaccia (e non averne nemmeno le competenze).

Quindi cosa significa davvero UX?

Cosa vogliamo che gli altri vedano

  • Ricerche sul campo
  • Interviste faccia a faccia
  • Creazione e gestione di test
  • Raccogliere, organizzare e presentare dati e statistiche
  • Disegno di prodotto
  • Raccolta dei requisiti
  • Redazione delle specifiche
  • Arti Grafiche
  • Interaction design
  • Architettura delle informazioni
  • Usabilità
  • Prototipizzazione
  • Layout dell’interfaccia
  • Visual
  • Creazione delle tassonomia
  • Creazione della terminologia
  • Copy writing
  • Presentazioni
  • Lavorare a stretto contatto con i programmatori
  • Coordinamento brainstorming
  • Evangelizzazione della cultura aziendale
  • Comunicazione con gli stakeholders

Cosa gli altri tipicamente vedono

  • Layout dell’interfaccia
  • Visual

Il disegno della UI è una grandissima parte della UX, si potrebbe infatti dire che nella maggior parte dei casi chi disegna la UX disegna in realtà l’interfaccia, ma per capire davvero cos’è la UX si può usare una bellissima immagine realizzata da Dan Willis, la “UX Umbrella“:

uxumbrella

Tra gli argomenti ricoperti dall’ombrello ne sono stati omessi due di proposito:  user experience design e interface design.

Lo user experience design è stato omesso perché è il termine che racchiude tutte le varie discipline: non si farà mai una lavorazione UX che non sia una combinazione di ciò che sta sotto l’ombrello. Lo user interface design invece è stato omesso perché è la combinazione tra visual design (look and feel) e interaction design (come il look and feel funziona). Un bravo interface designer capisce l’importanza di fornire all’utente una soluzione a un problema definito.

Come realizzare un’interfaccia utente efficace

L’implementazione di un’interfaccia utente è normalmente realizzata da uno sviluppatore di front-end che lo fa di professione, ma per ottenere una Killer UI c’è un percorso ideale da seguire:

  1. Il problema è stato definito attraverso ricerche sugli utenti.
  2. La navigazione e le user story sono complete.
  3. Su un’ipotesi di come risolvere i problemi sono stati condotti esperimenti e validate le soluzioni.
  4. E’ stato fatto il lavoro di architettura dell’informazione, affinché i contenuti abbiano un senso logico e una gerarchia.
  5. Diversi wireframe sono stati disegnati per capire come saranno disposte gli elementi sullo schermo.
  6. Grazie a precedenti ricerche e al lavoro fatto sulla UX possono essere realizzati facilmente i mockup che includono la UI.
  7. Con i mockup e la UI disegnata, si possono iniziare i test di usabilità.
  8. Dopo aver validato i mockup eccoci al momento codificare l’interfaccia.
  9. Una volta che la UI e l’usabilità sono state affinate si può procedere con la produzione e quindi lo sviluppo.

Appunto, un percorso un po’ idealizzato questo, spesso non tutti gli step vengono eseguiti a causa delle scarse risorse finanziarie o temporali, anche se spesso non è un percorso così lungo e può essere portato a termine in pochi giorni. Molti UX specialist disegnano interfacce utente direttamente dalla loro testa fino allo sviluppo, senza seguire questi passi, ma questa non è UX.

C’è molto lavoro dietro le quinte per arrivare ad un’interfaccia elegante, efficace e piacevole. Ma l’interfaccia non è la soluzione, questa è la credenza che le scuole di UX devono combattere, divulgando ciò che la UX realmente fa: un profondo processo strategico che mira a creare un prodotto o un sito web che i clienti, gli utenti, i visitatori amano e trovano facile da usare e velocemente comprensibile, è solo attraverso il lavoro di UX che si arriverà all’interfaccia perfetta.

Novità

La Provincia di Cosenza.it

Eyes Future pagina intera quotidiani

Cos’è il material design di Google...

Il Material Design sta per arrivare. Inteso in senso lato come un’evoluzione del flat, lo stile ‘materiale’ è destinato a diventare il punto di riferimento del mondo del web e del mobile.

Leggi tutto...